45) “Mi sto innamorando di te.”

L’olio caldo mescolato alle sue mani, diventa il connubio perfetto per fare l’amore un’altra volta. Questa serata meriterebbe davvero di non avere fine. Ricominciamo a farlo con altrettanta fantasia e passione. Rendendo unica anche questa volta. Alla fine ci ritroviamo uno sopra l’altro, privi di energie, quel tipico momento in cui vorresti solo lasciarti andare ad un sonno profondo. Hai dato tutto e hai ricevuto ciò che desideravi, sei nella totale pace dei sensi. Non ti serve altro. Ho la testa appoggiata sul suo petto e lui mi passa dolcemente la mano tra i capelli, scivolando poi giù sulla schiena nuda, proprio come piace a me.

“Cos’è per te l’amore Aisha?”

Mi rivolge una domanda inaspettata dal peso specifico immane. Le possibili risposte che potrei dargli, sono davvero infinite. Decido di non pensare e rispondo di getto:

“Totale condivisione.”

Racchiudo l’amore in una parola. Non avrei mai pensato di poterlo fare. Se mi avessero posto questa domanda in un contesto normale, credo che prima di rispondere mi sarei persa e ingarbugliata in infiniti concetti più o meno astratti.

“E per te cos’è l’amore?”
“Credo sia una cosa tipo tornare a casa la sera, riunirsi con la persona giusta e riuscire ad azzerare tutto il mondo. Sentendosi improvvisamente in pace, a prescindere da ogni altra cosa.”

Le sue parole mi colpiscono, racchiudono il concetto di quanto l’amore sia una cosa semplice ed essenziale. Lui prosegue il discorso:

“Stasera Aisha credo che con te sia accaduto proprio questo. Ho avuto una giornata tosta e mille cose per la testa, ma il pensiero che poi avrei passato la serata con te, mi ha dato la forza per affrontarla. E stasera una volta arrivato a casa, subito dopo averti vista, ne ho avuto la conferma. Ho azzerato tutto. Mente e cuore in perfetta sintonia. Non mi sono più ricordato di tutto il resto. Solo tu ed io. Ero a casa con la persona giusta.”

Le sue parole arrivano dritte al cuore, senza scorciatoie. Lo colpiscono e lo trafiggono con un segno indelebile. Mister X sta entrando nel mio cuore. È tutto magicamente fuori controllo. Aggiunge le ultime parole fatali:

“Credo che mi sto innamorando di te.

Da stesa e rilassata che ero, all’improvviso sento una scossa correre lungo tutta la schiena. Le sue parole sono forti e chiare. Mi prendo un attimo di silenzio per pensare. Ho tutta l’intenzione di dargli la risposta che si merita. Certi momenti si vivono una volta sola. Lui mi osserva in attesa della risposta, poi impaziente riprende a parlare prima di me:

“Non devi rispondermi per forza, se non sai cosa dire.”
“So benissimo ciò che voglio dire. Non fare il rompi palle!”

Gli tiro un cuscino addosso per rafforzare il concetto, poi prendo fiato e mi faccio coraggio per rispondere per davvero:

“Anche io mi sto innamorando di te Mister X. Sei la mia scoperta. Prima di incontrarti mi ero dimenticata di quanto fossero belle certe sensazioni ed emozioni e a dire il vero ne ho scoperte anche di nuove. Grazie. Ho tutte le intenzioni di conoscere e fare mia ogni parte di te. Ti può bastare come risposta? ”

Lui mi tira a sé e mi avvolge in un dolcissimo abbraccio. Ci siamo detti qualcosa di immensamente grande. Questo è uno di quei momenti che non si scordano più.

“Passi la notte con me?”

Sapevo che questa domanda prima o poi sarebbe arrivata. Che faccio? Potrebbe essere la giusta occasione per superare il mio tabù. Dormire con un uomo. Credo che questa sia la volta buona per farlo, senza poi dovermene pentire. Mi fido di Lorenzo. Ho mille dubbi e pensieri in merito a ciò che potremmo diventare ma la voglia di capire come possa essere un’intera notte con lui, vince su tutto.

“Molto volentieri.”

Lui è felice e sembra esser stupito, come se non si aspettasse questo sì.

“Sono felice ma piccola nota tecnica, che dirai a tua madre?”

“Una semplice bugia bianca. Lei crede che sia con le ragazze stasera, quindi mi inventerò che dormo da loro. Non dovrebbe essere molto difficile.”

” Non fa una piega ma il fatto che tu dica così bene le bugie, potrebbe essere un problema.”

Gli faccio l’occhiolino e lo lascio fantasticare un pochino sulla mia astuzia. Prendo lo smartphone e avverto mamma. Tutto fila liscio. Il gioco è fatto, passerò la notte con Mister X. Lo vedo avvicinarsi con una t-shirt.

“Tieni! Come pigiama per una notte dovrebbe andare.”

Afferro la t-shirt e me la infilo. É piena del suo profumo, indossarla è estremamente piacevole. Ovviamente mi sta larghissima e molto lunga, arriva giusta a coprirmi gli slip. Diciamo che lo sfoggio della bella lingerie e dei miei pigiamini sexy, è ufficialmente rimandato. Per oggi reggiseno e mutandine spaiate con una t-shirt oversize. Sarei più adatta per un pigiama party con le amiche, che per la prima notte con Mister X. Meglio non pensarci.

landscape-1482159849-dormire-con-il-peluche-da-grande

Lui rimane solo con i boxer e ci infiliamo sotto le coperte. É tutto molto strano: sono nel suo letto, le lenzuola hanno un profumo e una consistenza diversa dalle mie, ma mi sento a mio agio, al mio posto. Nessun imbarazzo, una disarmante naturalezza mi sta portando nella vita di Lorenzo, sempre più profondamente. Posso solo lasciarmi andare. Chiacchieriamo degli argomenti più diversi per moltissimo tempo. C’è serietà, scherzo, voglia di raccontarsi e una perfetta intesa, che rende il tutto splendido. L’occasione è perfetta anche per le coccole: intrecciamo i piedi sul fondo al letto e cerchiamo di continuo le nostre mani sotto le lenzuola. Sto apprezzando ogni singolo gesto frutto di questo momento insieme. Tra un discorso e un bacio ci addormentiamo, il tutto avviene con la stessa naturalezza che ci ha portati fin qui. L’uno estremamente vicino all’altro. Al punto tale da poter sentire il suo respiro.

La sveglia suona! Apro gli occhi e mi sento un po’ spaesata. Dove mi trovo? In un attimo raccolgo le idee e connetto di essere in camera di Lorenzo. Lui non c’è. Non so bene che fare. Senza di lui in questa casa ora mi sento una straniera. Raccolgo i miei vestiti e scendo le scale.

“Buongiorno principessa!”

La sua voce mi fa sentire di nuovo a mio agio. Per magia sono tornata nel posto giusto. Basta solo lui.

“Pensavo fossi già andato via!”

“Vuoi che perda così l’occasione di fare la prima colazione con te? Sarei a dir poco pessimo.”

Immensa felicità per delle semplici parole. Mi fa sentire davvero importante. Mi invita a sedermi al tavolo e mi porge del caffè e dei pancakes ancora caldi.

“Ma li hai fatti tu?!?”

“Con le mie mani, sono la mia specialità. Spero ti piacciano. Puoi condirli come preferisci.”

Wow! Adoro fare colazione come si deve. Adoro quest’uomo. Non sbaglia un colpo. Facciamo colazione insieme, raccontandoci i rispettivi progetti per la giornata. Avrei proprio voglia di restare con lui, è un peccato dover interrompere questa perfetta sintonia. Il lavoro però chiama e siamo costretti a dividerci. Ci prepariamo, salutandoci con uno splendido bacio. Credo che questa notte lascerà un segno indelebile ad entrambi. Nell’uscire, mi rendo conto che chiudermi la porta alle spalle, è davvero una tortura. Vorrei già un altro bacio. Sono così improvvisamente romantica, da farmi spavento da sola. Non cedo al capriccio e salgo in auto. Guido verso casa. Prima di andare a lavoro, devo passare per casa a vestirmi, non posso di certo presentarmi in tuta in negozio. A dire il vero, non mi sarei dovuta presentare neanche da Lorenzo così! Entro in casa e trovo mamma in cucina, intenta a fare colazione.

“Com’è andato il pigiama party tesoro?”

“Benissimo mamma grazie!”

Dentro di me sorrido, pensando alla mia innocua bugia. Faccio per salire in camera a prendere i vestiti, quando noto uno splendido mazzo di fiori appoggiato sul tavolo, che precede le scale. Non posso non fermarmi a guardarlo.

“Ehi mami!!! Chi ti ha dato questi fiori?”

“A dire il vero sono per te Aisha. Li ha portati poco fa il fioraio. Mi sono legata le mani per non leggere il bigliettino. Se vuoi condividerlo sappi che la tua mamma muore di curiosità.”

Sono totalmente stupita. Non mi era passato neanche per l’anticamera del cervello che quel mazzo potesse essere per me. Ho appena passato la notte con l’unico uomo che avrebbe motivo di regalarmelo. Il fatto che fossi con lui fino a mezz’ora fa, esclude però che lui possa essere il mittente. Di chi si tratterà? Apro il bigliettino, sotto gli occhi curiosi di mamma.

————-Alla principessa che ho intenzione di riconquistare.

Sei sempre nei miei pensieri. ————

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


(La domanda è d’obbligo: chi sarà il mittente? #cOnNeTtIaMOci)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...