44) Uno sbaglio perfetto.

Se davvero l’amore è quella cosa che tanto ti fa incazzare, quanto poi in un attimo può risolvere ogni cosa, credo di esserci finalmente vicina. Ieri sera il suo comportamento mi aveva fatto molto arrabbiare ed ero già pronta a farglielo presente non appena ci saremmo visti, ma ora mi è già passato tutto. Adesso l’ultima delle mie intenzioni è quella di fargli una ramanzina. Ho solo voglia di baciarlo e di infilarmi in quella vasca con lui. La sua mossa è stata tanto sorprendente, quanto azzeccata. Una validissima scorciatoia per arrivare dritto al mio sorriso, evitando discussioni e inutili incomprensioni. Si trova ancora alle mie spalle. Stiamo entrambi godendo di questa splendida attesa. Siamo avvolti in un caldo abbraccio, che è un po’ come la quiete prima della tempesta. Una tempesta di passione che sta per travolgerci. Non resisto più. Gli afferro le mani, che sono ancora appoggiate lungo i miei fianchi e le stringo forti. Voglio che capisca per bene la pazza voglia che ho di lui. Lui le fa scivolare verso il basso e mi sfila i pantaloni. Ogni parola è rimandata a dopo. Non mi sono mai piaciute troppo le regole e fare l’amore così di getto, senza neanche esserci salutati, mi sembra un bellissimo modo per trasgredire gli schemi. Prima facciamo l’amore, poi parliamo. Niente di più vero. Istinto. Mi dispiace solo, che è la terza volta che faccio l’amore con Lorenzo e sto indossando nuovamente la lingerie sbagliata. Se avessi saputo cosa mi aspettava per la serata, avrei usato sicuramente più fantasia nello sceglierla, ma per l’ennesima volta lui è riuscito a prendermi alla sprovvista e a sorprendermi. Questa cosa si è verificata tre volte su tre. É impossibile farsi trovare pronte per un colpo di scena, quindi al diavolo le mutandine sbagliate e godiamoci questo istante. Credo che avrò molte altre occasioni per sfoggiare slip e reggiseno perfettamente coordinati, oggi niente cornici, dritti alla sostanza. In un lampo ci ritroviamo nudi, a divorarci di baci. Entriamo nella vasca e nel farlo siamo così meravigliosamente imperfetti e irruenti, da far finire un bel po’ d’acqua sul pavimento. Nessuno dei due si preoccupa troppo della cosa. Lorenzo accende l’idromassaggio e diventiamo ufficialmente parte di un vortice di passione indescrivibile. Consumiamo tutto il nostro amore nella vasca da bagno e ne usciamo stremati. L’acqua è bollente, fa caldo e la stanza è piena di vapore, ma va benissimo così. Non cambierei nulla. Mi posiziono tra le sue gambe, lasciandomi avvolgere dalle sue braccia e facendomi coccolare con dei dolci baci sul collo. Il migliore dei modi per riprendere fiato. Arriva così anche il tempo per le parole.

“Buonasera principessa! ”
“Buonasera a te pazzo bugiardo.”
“Avevo un valido motivo per mentire non trovi?”
“Validissimo.”

gesti_romantici_4

Cominciamo così a raccontarci delle nostre rispettive giornate, quello che normalmente avviene all’inizio di un appuntamento. Parlandogli della mia ho un flash improvviso: l’appuntamento con le ragazze! Cazzo! Dannazione non le ho mai avvertite che non le avrei raggiunte, mi avranno data per dispersa. Spero di non averle fatte preoccupare troppo. Saranno state le rose, le candele, i profumi, la vasca ma me ne sono palesemente scordata. Mi stupisco, perché non è da me! Perdere l’organizzazione dei miei eventi giornalieri, è una cosa che normalmente non mi capita mai. Quest’uomo mi dà decisamente alla testa. Anche Lorenzo mi esorta subito a contattarle. Esco così dalla vasca e saltellando da un tappeto all’altro, in modo assai poco grazioso, per cercare di non bagnare ulteriormente il pavimento, raggiungo i pantaloni della tuta, che si trovano ancora a terra. Lui sorride per i miei balzi, facendomi presente che ormai abbiamo già fatto un lago sul pavimento e che quindi è inutile che ora cerchi di fare la ragazza delicata e per bene. Effettivamente ha ragione. Estraggo lo smartphone dalla tasca e trovo ben cinque chiamate senza risposta: due di Alice e tre di Chiara. Maledetto vizio di tenere il telefono solo con la vibrazione e senza suoneria. Si saranno preoccupate un bel po’. Chiamo subito Chiara, che risponde in tempo zero:

“Ehi tutto ok? Che fine hai fatto? Siamo in pensiero! Stai bene?”

Mai stata meglio, oserei dire! Mi sforzo però di cercare un’altra risposta, altrimenti potrebbero mandarmi al diavolo e avere anche ragione.

“Si ragazze scusate! Sto bene. É che ho avuto un super imprevisto e sono andata via di mente. Scusate davvero! ”
“L’importante è che tu stia bene! Ma riesci a raggiungerci?”

Guardo la vasca, guardo Mister X e capisco che ho la chiara intenzione di restare qui con lui.

“No ormai non riesco tesori. Spero che mi perdonerete! Recuperiamo al più presto, mi farò perdonare! Lo prometto. ”
“Ci conto! Oh ma toglimi una curiosità, perché hai messo MI PIACE allo stato di Marco?!”

Ok tutto regolare, non sono arrabbiate. Il repentino passaggio alla materia di gossip, mi fa intuire che non mi odiano per l’accaduto. Certo è, che non sono nel luogo adatto per rispondere a questa domanda, Mister X è a pochi metri da me e non posso mettermi a parlare di Marco. Rispondo così in modo diplomatico a Chiara, spiegandole che al più presto esaudirò ogni sua curiosità. Lei cerca altre informazioni, per assicurarsi che non mi trovi in compagnia dell’uomo sbagliato. La rassicuro, facendole capire che sono con Mister X e che quel MI PIACE è stata solo una stupida svista mattutina e istintiva. Cerco di portare a termine tutta la conversazione parlando in codice.

“Sei un incanto da osservare nuda.”

Riattacco e connetto il fatto che sono rimasta svestita, davanti a lui, per tutta la telefonata. Mi sono sentita a mio agio come non mai. Se lui non me l’avesse fatto notare, con i suoi complimenti, non me ne sarei mai resa conto. Il che mi fa riflettere, non è una cosa scontata sentirsi a proprio agio nudi, intenti a fare dell’altro, davanti ad un’altra persona. Wow. La naturalezza con la quale stanno avvenendo molte cose con Lorenzo, mi sta spiazzando sempre di più. Nell’ultimo periodo ho ricercato moltissimo questo genere di cose. Cose dannatamente semplici. Forse le stavo semplicemente proiettando, forzatamente, sulla persona sbagliata, ecco perché non arrivavano mai. Ora voglio godermele tutte, fino in fondo.

“Vai in camera e sdraiati a pancia in giù, non è finita qui per oggi.”

Il suo sembra essere un ordine e ho la tutta l’intenzione di obbedire. La sua richiesta arriva dritta alla pancia, smuove qualcosa dentro e stimola la fantasia. Prendo un asciugamano, mi avvolgo e vado in camera da letto. Mi sdraio e ricomincia di nuovo un’intrigante attesa. Lo sento arrivare, si sta avvicinando. Di riflesso chiudo gli occhi, e fidandomi ciecamente di lui. Sale a cavalcioni su di me, è nudo. Sento la sua pelle sulla mia, un contatto che genera energia allo stato puro. Rimango immobile e all’improvviso sento scivolare dell’olio caldo sulla mia schiena e accompagnato ad esso subito dopo arrivano le sue mani. Subisco uno splendido massaggio, niente di più bello. Sento lo stress scivolare via, rimane solo il desiderio di fare l’amore da capo. Mi sfiora ovunque e alle mani ogni tanto alterna dei baci sfuggenti. Ho voglia di divorarlo nuovamente. Quest’uomo mi sta facendo diventare pazza. É arrivato nella mia vita, senza alcuna pretesa o aspettativa e me la sta sconvolgendo. Pensare che all’inizio neanche ci volevo uscire. Credevo fosse il periodo più sbagliato della mia vita per conoscere un uomo e lui l’ha reso uno sbaglio perfetto. Quel tipico errore che commetteresti altre mille volte e che ringrazierai a vita di aver fatto. In lui c’è sentimento, passione e un mondo da scoprire. Voglio conoscere ogni singolo aspetto di Lorenzo. Il mio dolce e appassionato Mister X. MIO.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2 Replies to “44) Uno sbaglio perfetto.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...